Home Clima Energia Greenpeace contro l'ampliamento della centrale nucleare ungherese

Greenpeace contro l’ampliamento della centrale nucleare ungherese

La società russa Rosatom ha previsto, nell’autunno del 2021, di ottenere una licenza per la costruzione di due nuove unità di potenza della centrale nucleare ungherese di Paks. Lo ha dichiarato Aleksander Khazin, direttore del progetto di costruzione della centrale nucleare Paks 2.

L’ampliamento della centrale nucleare

Il 30 giugno la società locale incaricata del progetto Paks 2, partecipata dalla holding russa, ha presentato una domanda di licenza per la costruzione di nuove centrali nucleari all’autorità ungherese per l’energia atomica.

“Il regolatore ha esperienza e viene consigliato dai partner europei, i quali pongono questioni difficili agli sviluppatori. Siamo all’inizio di un lungo viaggio. Ma crediamo che verrà ottenuta una licenza nell’autunno del 2021”, ha dichiarato Khazin, citato dall’organo di stampa della società di stato russa.

Per Greenpeace “una decisione sbagliata”

Una decisione sbagliata, ha spiegato la portavoce dell’associazione ambientalista Greenpeace, Brigitta Bozsò: “Non potremo beneficiare delle opportunità offerte dalle risorse rinnovabili” ha affermato ” se il governo si lega le mani con un investimento tanto importante, che avrà anche l’effetto di appesantire il paese con un debito difficile da ripagare”. Nei giorni scorsi la protesta degli attivisti è stata inscenata davanti alla statua della libertà. Il monumento simbolo oltre che di NY anche della capitale magiara.

Incidenti nucleari nella centrale nucleare di Packs

  • 2003, aprile. L’unità numero 2 del sito nucleare di Paks (costituito da quattro reattori è l’unico in Ungheria a 115 chilometri da Budapest) subisce il surriscaldamento e la distruzione di trenta barre di combustibile altamente radioattive. Solo un complesso intervento di raffreddamento scongiura il pericolo di un’esplosione nucleare, limitata ma incontrollata con gravi conseguenze per l’area intorno a Paks. [n.d.r. –fonte web: http://www.fisicamente.net/SCI_SOC/index-1065.htm]
  • 2009, maggio. Nella centrale atomica ungherese di Paks, che funziona con reattori VVER-440/V213 ad acqua pressurizzata di epoca sovietica, il 4 maggio si è verificato un incidente di livello 2 durante operazioni di manutenzione, sembra senza causare danni al personale dell’impianto e fuoriuscite radioattive. [n.d.r. –fonte web:http://greenreport.it/web/archivio/show/id/19410]

Fonte: Agenzia Nova, effettoterra.org

Avatar
Gianfranco Mascia
Ecologista, giornalista, scrittore. Tra i fondatori dei Verdi dell’Emilia Romagna, è attualmente Responsabile comunicazione Capo ufficio stampa della Federazione dei Verdi. Fondatore dei comitati Bo.Bi e animatore dei Girotondi e del Popolo Viola. Il suo ultimo libro “Come osate” ripercorre l'avventura dei Fridays For Future attraverso le testimonianze dei suoi attivisti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ultime news

La voce dei giovani grida per il Pianeta

Grida forte la voce dei giovani. Grida da ogni angolo del Pianeta, grida per il Pianeta. “Non ci sono più ragionamenti da fare. Non ci...

Auto elettriche: il futuro che non può aspettare

La produzione di auto elettriche e la totale conversione di questo settore, potrebbe essere il giusto modo di ripartire di uno dei settori più...

Greta Thunberg: dal Covid-19 alla crisi climatica, combattiamo il negazionismo con la scienza

Sono passati due anni da quel venerdì di novembre del 2018 in cui Greta Thunberg per la prima volta scioperò per clima davanti al...

Inquinamento da smog: in Italia ci costa più di 1.500 euro a testa

L’inquinamento atmosferico è uno dei più importanti problemi al mondo, non solo in riferimento alla salute e per le morti premature che causa, ma...

Eco-Islam: la religione che nasce green

Accordo di Parigi sul clima: l’appello delle istituzioni religiose In questi giorni si è parlato dell’anniversario dell’Accordo di Parigi sul clima, evento che si celebra...