Home ecologica Biodiversità In Canada, molte specie locali potrebbero estinguersi

In Canada, molte specie locali potrebbero estinguersi

Un nuovo Report realizzato da Nature Conservancy Canada e da Nature Serve Canada rivela che la maggior parte delle specie endemiche del Canada sono a rischio. Il report, intitolato Ours to Save. The distribution, status and conservation needs of Canada’s national endemic species, realizzato con l’aiuto di numerosi esperti dei vari territori canadesi, rivela lo stato di conservazione delle specie presenti solo in Canada.

“Molte specie hanno piccole aree di distribuzione e/o popolazioni numericamente limitate. È un fatto comune in natura ma rende queste specie più vulnerabili alle estinzioni causate da eventi naturali e, sempre più, dall’azione dell’uomo”, afferma Dan Kraus, un esperto biologo canadese specializzato nell’identificazione e conservazione della biodiversità in Canada.

È stato co-autore di questo rapporto dopo uno studio di due anni. Questo report ha visto la luce grazie alle banche dati e ai contatti con molti scienziati del settore.

“Benché gran parte dei territori canadesi siano selvaggi, stanno cambiando rapidamente a causa del cambiamento climatico”, spiega il biologo. Tra le specie identificate nel rapporto ci sono il lupo orientale (Canis lycaon) e il caribù di Peary (Rangifer tarandus pearyi), due mammiferi che si trovano nell’alto Artico e che hanno visto diminuire a vista d’occhio le loro popolazioni. Gli invertebrati, come la piccola farfalla Coenonympha nipisiquit, rappresentano quasi la metà delle specie elencate nel rapporto. Si trovano anche diverse varietà di piante da fiore, tra cui il Gulf of St. Lawrence aster (Symphyotrichum laurentianum).

Molti dei luoghi in cui le specie stanno scomparendo sono o fanno parte di habitat unici e che il riscaldamento di alcune aree e la comparsa di specie invasive siano le due cause principali di questa perdita di biodiversità.

Dopo l’attuazione della legge sulle specie a rischio e alla creazione della più grande area marina protetta del mondo, è evidente come sia necessario introdurre altre norme a tutela di queste aree.

“Ogni Paese, – conclude Kraus, – ha il suo ruolo da svolgere nella lotta al cambiamento climatico e al riscaldamento globale, quindi speriamo che il nostro studio incoraggi una maggiore attenzione anche a tutela di quelle specie che si trovano solo in Canada. Fermare le estinzioni della fauna selvatica è una delle maggiori sfide che dobbiamo affrontare”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ultime news

La voce dei giovani grida per il Pianeta

Grida forte la voce dei giovani. Grida da ogni angolo del Pianeta, grida per il Pianeta. “Non ci sono più ragionamenti da fare. Non ci...

Auto elettriche: il futuro che non può aspettare

La produzione di auto elettriche e la totale conversione di questo settore, potrebbe essere il giusto modo di ripartire di uno dei settori più...

Greta Thunberg: dal Covid-19 alla crisi climatica, combattiamo il negazionismo con la scienza

Sono passati due anni da quel venerdì di novembre del 2018 in cui Greta Thunberg per la prima volta scioperò per clima davanti al...

Inquinamento da smog: in Italia ci costa più di 1.500 euro a testa

L’inquinamento atmosferico è uno dei più importanti problemi al mondo, non solo in riferimento alla salute e per le morti premature che causa, ma...

Eco-Islam: la religione che nasce green

Accordo di Parigi sul clima: l’appello delle istituzioni religiose In questi giorni si è parlato dell’anniversario dell’Accordo di Parigi sul clima, evento che si celebra...